Bowen Therapy

Che cos’è la Bowen Therapy?

Accademia Delle Donne Bowen Therapy

La Terapia Bowen è stata sviluppata dall’australiano Tom Bowen (Melbourne, 1916-1982) negli anni cinquanta.

Il trattamento comprende manipolazioni digitali molto leggere secondo una sequenza prestabilita, ciascuna applicata su punti chiave dei muscoli e dei legamenti tendinei. Si tratta di pressioni digitali non invasive e delicatissime, con pause minime di due minuti tra una pressione e l’altra.

Non c’è una sintomatologia o una condizione patologica che non possa essere affrontata. Il metodo Bowen stimola l’autoguarigione del corpo che risponde al meglio delle proprie capacità.

Un sollievo reale viene ottenuto già dopo la prima seduta, di durata variabile dai 20 ai 50 minuti, e la maggior parte delle persone trova un effettivo beneficio già dopo due o tre trattamenti, di solito praticati a una settimana di distanza l’uno dall’altro.

Il metodo Bowen stimola sia la circolazione sia il drenaggio linfatico e venoso, favorisce l’assimilazione dei principi nutritivi e l’eliminazione delle tossine, aumenta la mobilità delle giunture e migliora la postura. La tecnica Bowen inoltre si è rivelata utile anche nelle fasi acute dei vari disturbi. Grazie alla delicatezza della pressione utilizzata, è possibile lavorare sulle zone doloranti.

Come agisce

Accademia delle Donne Bowen TherapyIl corpo è come uno strumento musicale che ha bisogno di essere in armonia e adeguatamente intonato per funzionare bene. Cambiando il punto dove la corda è premuta, si crea una vibrazione diversa correlata da una frequenza specifica.

Come un musicista deve mettere le sue dita nel punto preciso della corda, anche l’operatore Bowen deve fare con precisione ogni movimento.

La Tecnica Bowen crea vibrazioni, e il corpo stesso modifica la sua frequenza, per riportarsi in armonia recuperando l’equilibrio tra corpo, mente e spirito.

Come si svolge una seduta di terapia Bowen?

Il cliente può stendersi rilassato su un lettino, o stare seduto, indossando abiti leggeri.
Il terapeuta Bowen applica i movimenti in una serie di procedure, e poi lascia la stanza per consentire al paziente di raggiungere gli effetti rilassanti più profondi e per evitare di interferire con il riallineamento energetico del paziente.
Le sedute di solito durano da 45 minuti a un’ora.
Spesso non sono richieste più di 3-5 sessioni per il trattamento della maggior parte delle problematiche.
I trattamenti saranno generalmente programmati a intervalli di 7 giorni.

 

Effetti principali della tecnica Bowen

  • Modula e armonizza l’attività dei componenti “simpatico” e “parasimpatico” del sistema nervoso autonomo;
  • Induce profondo rilassamento che fornisce al corpo l’opportunità di riorganizzarsi attraverso la riattivazione di vari riflessi neurali
  • Permette all’energia vitale di fluire più liberamente trasmettendo maggior benessere
  • Stimola il corpo a riallinearsi con effetti benefici sulle strutture muscolo-scheletriche, sul sistema nervoso e sulle funzioni viscerali
  • Aumenta l’afflusso di sangue alle articolazioni e migliora il metabolismo idrico a livello dei tessuti corporei
  • Aiuta l’attività di assimilazione dei nutrienti e di eliminazione delle tossine
  • Stimola il flusso linfatico, benefico per la disintossicazione e per la prevenzione della degenerazione cellulare.

A chi si rivolge la tecnica Bowen

Tutti possono godere dei benefici, in funzione delle specifiche necessità: dai neonati alle persone anziane, deboli, ammalate o convalescenti, dalle donne in gravidanza agli atleti.

Consigli utili

Gli effetti dei trattamenti Bowen durano in genere 5-7 giorni.

Per rendere il trattamento il più efficace possibile, si chiede di seguire questi consigli:

  • Bere molta acqua naturale per aiutare il processo di disintossicazione. L’orario migliore per assumere l’acqua, secondo l’orologio biologico cinese, è tra le ore 17:00 e 19:00, in quanto durante questo periodo i reni hanno la loro massima attività.
  • Dopo un trattamento Bowen non fare sport estremi lo stesso giorno e, se possibile, per i successivi 3 giorni.
  • Evitare docce e bagni troppo caldi o saune subito dopo il trattamento Bowen.
  • Evitare manipolazioni e massaggi manuali (o con strumenti e macchinari) per qualche giorno dopo il trattamento Bowen, per non sovra-stimolare ed affaticare l’organismo.

È possibile che si possano avvertire delle “reazioni omeopatiche” per qualche ora o qualche giorno. Tali reazioni potranno essere, ad esempio, una sensazione di leggera trazione muscolare.

Accademia delle Donne Bowen Therapy

Efficacia, utilizzo e durata degli effetti della tecnica Bowen

La tecnica Bowen si è rivelata molto efficace per una vasta gamma di patologie, anche acute e croniche. Infatti una peculiarità per cui questa tecnica è conosciuta è di poter indurre miglioramenti e a volte risolvere gravi problematiche, anche di vecchia data, laddove nessun altro intervento ha portato giovamento. È però necessario sottolineare che ogni persona risponde in modo diverso e del tutto personale al trattamento. Ogni corpo reagisce secondo tempi e modalità proprie, strettamente correlate alle sue possibilità del momento; spesso poche sedute sono sufficienti, altre volte possono essere necessari più trattamenti.

Solitamente l’effetto benefico di un intervento terapeutico perde gradualmente efficacia nelle ore successive alla seduta. Il trattamento Bowen continua invece ad operare attivamente nei 5/7 giorni successivi, come se il corpo ricevesse una sessione al giorno. Il riequilibrio continua, inducendo cambiamenti sia a livello fisico che ai più sottili ma sostanziali livelli chimici ed energetici, responsabili di modificazioni mentali ed emozionali.

È importante ricordare che la tecnica Bowen opera sull’unità corpo/mente/spirito, e non meramente sui sintomi, e produce una risposta corporea integrata, caratterizzata da un accresciuto flusso energetico, dal miglioramento della circolazione arteriosa e del drenaggio linfatico e venoso.

Di seguito solo alcuni dei più comuni malesseri che hanno mostrato di rispondere positivamente a questo approccio:

  • obesità
  • insonnia
  • mal di testa
  • squilibri emozionali
  • sindrome della fatica cronica
  • scarsa energia
  • diabete
  • calcoli renali
  • mal di schiena
  • ernia del disco
  • sciatica
  • dolori reumatici/artrosi/artrite
  • artrite reumatoide
  • cervicalgia
  • tunnel carpale
  • problemi posturali e temporo-mandibolari
  • problemi cardiaci
  • asma/enfisema/problemi dell’apparato respiratorio
  • disturbi di stomaco e intestino
  • squilibri della pressione
  • recupero da incidenti e infortuni
  • nevralgia del trigemino
  • fibromialgia
  • problemi in gravidanza
  • problemi di infertilità
  • parkinson
  • dismenorrea
  • problemi della menopausa
  • problemi legati a stress e tensione

Il sostegno attraverso la Naturologia va inteso come un percorso e non come una singola seduta. Non si eseguono diagnosi ma si lavora per ripristinare lo stato di salute della persona. I trattamenti non si sostituiscono alle direttive del proprio medico curante né a quelle di altri operatori sanitari.